Emily ed io

Ho lavorato sulle pagine, di una raccolta delle poesie di Emily Dickinson, ho condiviso con lei per almeno tre anni, gomito a gomito, il susseguirsi delle stagioni con tutta la loro inesorabilità e noi lì più grandi e più piccole a sentire la vita furibonda, la vita domestica, la vita sola e silenziosa la vita dello sfarzo della luce, dei colori, delle penombre, degli abissi, di ciò che “più non accade e più ti sta accadendo”, di tutte le voci delle cose, dentro e fuori… si è creato un linguaggio, una sorta di scrittura altra, immagine che si alza dalle parole, dal nero delle lettere stesse stampate sul bianco del foglio…
Questi sono alcuni dei lavori.